03 ottobre 2005

Interno torinese

Venerdì

G: mi devo portare le chiavi o le posso lasciare?
M: pòrtatele, ché domenica usciamo e non sappiamo a che ora torniamo.

Sabato, casa

M e P: ciao.
G: ciao.
K: arrivederci.

pochi minuti dopo, fermata dell'autobus

M (cellulare): dove siete?
G: alla fermata.
M (c): abbiamo dimenticato le chiavi a casa, ci vediamo alla fermata x.

fermata x

G: come facciamo per domani?
M: manda un SMS quando sali sul treno.

Domenica, stazione

G (SMS): arrivo alle hh:mm.

ore hh:mm, casa

G: (drin)
(citofono): ...
M (cellulare): ...
P (cellulare): ...

Un'ora e mezza passata a girare per la città come un cretino, con valigia appresso, e pioggia e vento. Dal momento che però non è successo niente, immagino che, quando la mia vendetta colpirà, nessuno si sognerà di dire né aba.

3 Commenti:

Blogger B ha affermato...

Vendetta, tremenda vendetta!

03 ottobre, 2005 12:10  
Blogger SacherFire ha affermato...

ah ah ah ah!!! ;-PPPP
Dì a tu' M e a tu' P che... no è meglio non lo dica. E poi ci pensarai da solo ;-DD

03 ottobre, 2005 12:15  
Anonymous ah? ma che ha affermato...

A.
Ba.

:)

03 ottobre, 2005 18:02  

Posta un commento

<< Home